Segni e cause dell’invecchiamento cutaneo

La pelle cambia naturalmente seguendo il fisiologico processo di invecchiamento che coinvolge l’organismo umano nel tempo. La pelle ci racconta quindi la sua storia, dicendo se è stata protetta, nutrita e “coccolata”.

Ci sono infatti dei fattori che possono accelerare l’invecchiamento cutaneo, basti pensare all’esposizione al sole o alla mimica facciale, che possono favorire la comparsa dei segni dell’invecchiamento anche prima dei 30 anni.

La pelle invecchiando si copre di segni particolari; dalle rughe alle macchie di pigmentazione fino ai rilassamenti cutanei del viso, del collo e del decolleté, senza dimenticare borse, occhiaie, gonfiori e rilassamento della palpebra.

Tutti questi inestetismi della pelle rappresentano i segni più o meno profondi di un processo di alterazione della sua struttura legato generalmente all’invecchiamento.

Conosciamo quindi tali segni e le loro cause.

Segni di invecchiamento cutaneo

segni-invecchiamento-pelle

L’invecchiamento cutaneo è caratterizzato da diversi segni che indicano una perdita di stabilità strutturale della pelle o un danno alla stessa. Le rughe sono uno dei segni più evidenti, appaiono come solchi lineari di profondità variabile della pelle e si distinguono in:

  • rughe gravitazionali, dovute all’aumento della lassità dei tessuti della pelle che non sono più in grado di resistere alla gravità;
  • rughe attiniche, sono i segni del foto-invecchiamento che determina atrofia della cute e degradazione delle fibre elastiche in seguito all’esposizione al danno da raggi UVA e UVB;
  • rughe di espressione, la conseguenza della mimica facciale ripetuta nel tempo.

Le macchie di pigmentazione sono dovute ad alterazioni della produzione e del trasporto di melanina nella pelle, anche in seguito all’esposizione ai raggi UV.

In particolare si formano degli aggregati di melanina a cui si devono le macchie.

Altri segni, come i rilassamenti cutanei delle varie parti del viso così come borse, occhiaie e simili, sono dovute a cambiamenti nella struttura derivanti da alterazioni ormonali in generale e strutturali, legate in particolar modo al crono-invecchiamento.
Leggi anche: Discromie cutanee

Fattori che favoriscono l’invecchiamento della pelle

L’invecchiamento cutaneo è un processo naturale legato al tempo che coinvolge tutto l’organismo umano e quindi anche la pelle, per questo detto crono-invecchiamento. Ci sono però dei fattori intrinseci ed estrinseci che possono accelerarlo. Nello specifico si possono individuare:

Fattori intrinseci:

  • Meccanici: mimica facciale;
  • Patologici: insufficienza renale, diabete e altre problematiche che accelerano invecchiamento;
  • Predisposizione genetica;
  • Ormonali: alterazioni dei livelli ormonali pre e post-menopausa.

Fattori estrinseci:

  • Ambientali: esposizione solare, foto-invecchiamento in particolare da raggi UVA e quindi anche da lampade abbronzanti, inquinamento, freddo ed altitudine;
  • Abitudini di vita: ripetuta esposizione allo stress, “carenza” di un sano riposo notturno, fumo, ecc.;
  • Nutrizionali: alimentazione squilibrata e carente di frutta e verdura così come di altri alimenti ricchi di nutrienti con elevata affinità per la pelle, in quanto partecipano alle funzioni vitali della sua complessa rete cellulare. Parliamo quindi di vitamine come A, C, E e la Biotina, di minerali come Selenio, Rame, Zinco, Magnesio, di acidi grassi essenziali (acido linoleico e acido gamma-linolenico).

Segni e fattori che portano a modifiche profonde della pelle

Tutti questi segni sono evidenze di alterazioni anatomo-funzionali più o meno profonde della pelle che coinvolgono ogni suo strato, dal derma all’epidermide.

In tutto il suo spessore la pelle subisce delle modificazioni importanti che vanno da una riduzione del suo turnover a livello epidermico, ovvero una diminuzione del suo rinnovamento cellulare, ad una minore efficienza dei processi che ne regolano l’idratazione e la nutrizione.

cause-invecchiamento-cutaneo

Si attivano così importanti alterazioni dei meccanismi di comunicazione e riparazione cellulare e dei processi metabolici, per arrivare ad una forte riduzione della sintesi del collagene e dell’attività dei fibroblasti fino a una diminuzione della circolazione nel derma.

A tutto ciò si unisce una fisiologica diminuzione delle difese immunitarie legata all’età e le famose alterazioni ormonali che nella donna sono una delle principali cause di svuotamento dei cuscinetti adiposi nell’ipoderma.

In pratica diminuisce l’accumulo di adipociti nell’ipoderma che sosteneva e dava compattezza al tessuto cutaneo e che a sua volta prima della menopausa era determinato dagli ormoni stessi. Si favorisce quindi una maggiore lassità e flaccidità dei tessuti nelle zone più soggette alla gravità non solo nel viso (guance e sottomento), ma anche all’interno del braccio e delle gambe.

A loro volta tali modificazioni sono favorite da molteplici meccanismi molecolari tra i quali emergono il danno da radicali liberi, alterazioni della matrice dermica dovute ad un aumento di particolari enzimi (metallo proteinasi) che degradano la struttura della pelle, la glicazione delle proteine, ovvero il danno cellulare derivante dalla reazione delle proteine della pelle con zuccheri come il fruttosio, e anche danni al DNA derivanti dall’ossidazione endogena dovuta al metabolismo cellulare o dall’esposizione esogena ai raggi UV.

Conoscere i segni, le cause e i meccanismi che favoriscono l’invecchiamento cutaneo è utile per aiutarci non solo a capire che lo stile di vita e l’alimentazione sana sono essenziali per invecchiare bene, ma anche per scegliere il cosmetico più adatto alle esigenze della nostra pelle.

Idratanti, nutrienti, lenitivi, antiossidanti, ricostitutivi, filtri UV … indicano le componenti che sostengono e aiutano la nostra pelle a invecchiare in modo sano!

Aiuta la tua pelle a raccontare una bella storia!

Compila il form per ricevere maggiori informazioni