DATA: 16.01.2018

Come prevenire le cicatrici da acne

 CONDIVIDI:

L’acne è considerata una vera e propria patologia e, a prescindere dal tipo e dalla gravità, uno degli esiti più temuti sono proprio i segni che può lasciare per sempre. Ci riferiamo alle cicatrici da acne, segni perenni che si possono sviluppare non solo nei casi più gravi, ma anche in seguito ad un inadeguato trattamento. Le situazioni più complicate di acne devono essere seguite da un medico specialista e, anche nei casi più lievi, si consiglia sempre di sentire prima di tutto il suo parere per orientare in modo consapevole ogni scelta per la propria salute o quella di una persona cara.

Le cicatrici da acne come esito della malattia hanno un importante impatto emotivo, in particolare quando arrivano a segnare l’autostima di un adolescente. Vedremo insieme come prevenire la formazione di cicatrici riferendoci principalmente alle forme più leggere di acne e a sane abitudini nella gestione dell’igiene e nel trattamento cosmetico della pelle.

Segni profondi da cicatrici acneiche superficiali

Quando l’acne presenta esiti cicatriziali lascia delle lesioni che dalla superficie possono segnare profondamente la psiche della persona colpita. Le implicazioni a livello psicologico possono infatti diventare un problema ancora più difficile da gestire, soprattutto nel caso di acne giovanile.

L’acne è una condizione che può influire negativamente sull’equilibrio psichico di un giovane ragazzo, rendendo ancora più difficile il rapporto con il proprio aspetto e con gli altri, con un impatto emotivo assolutamente da non trascurare. Se a una condizione già precaria aggiungiamo le cicatrici da acne, si può ben capire che non si tratta di un problema estetico e di salute ma di una “bomba” che bisogna saper gestire con l’aiuto di un professionista, il medico.

La consapevolezza di tutto ciò aiuta nell’approcciarsi all’acne con una prospettiva di prevenzione della formazione di cicatrici. Sebbene gli esiti cicatriziali siano riferiti principalmente ai casi più gravi di acne, non sono da escludersi anche nei casi più lievi. In particolare, trattamenti inadeguati di tipo cosmetico e igienico possono favorire stati infiammatori, uno dei fattori che maggiormente contribuiscono alla formazione di cicatrici acneiche.

#ASCOLTALATUAPELLE: Trattamenti cosmetici e igienici inadeguati possono favorire infiammazioni che alimentano eventuali cicatrici acneiche.

Click to Tweet

Sane abitudini per prevenire le cicatrici acneiche

L’acne lieve generalmente tende a scomparire spontaneamente con l’età adulta senza esiti cicatriziali. L’utilizzo di cosmetici adatti a regolare la secrezione sebacea, a controllare l’infiammazione e a mantenere la pelle pulita e protetta, senza aggredirla, spesso sono approcci sufficienti in caso di acne lieve e moderata.

Bisogna comunque ricordare che qualsiasi tipo di approccio non risolve ma controlla la manifestazione acneica, ragion per cui è importante essere costanti sia nella pulizia, che nell’applicazione dei cosmetici consigliati. In particolare:

  • Mattina, giorno e sera pulire la cute evitando detergenti aggressivi. Questi non solo possono favorire l’infiammazione, ma anche diminuire i lipidi cutanei e attivare una risposta di compensazione da parte della pelle che si traduce in un aumento della secrezione di sebo;
  • Evitare di irritare la pelle in qualsiasi modo, l’infiammazione favorisce la formazione di cicatrici;
  • In particolare evitare di eliminare da soli brufoli o comedoni, si aumenta il rischio non solo di infiammazione, ma anche di infezione della pelle;
  • Evitare l’esposizione al sole e a lampade artificiali: i raggi UV hanno sì un effetto antisettico, a cui si deve un apparente miglioramento dell’aspetto della pelle, ma attivano ancora di più i processi di ipercheratosi con effetti negativi.

Cosmetici specifici e delicati per prevenire le cicatrici da acne

Anche la scelta dei cosmetici è importante per salvaguardare la pelle acneica da esiti cicatriziali:

  • Prediligere la mattina detergenti non saponosi e la sera latte detergente a reazione acida a base di zolfo, estratti vegetali o sostanze purificanti ma privo di oli minerali;
  • Associare alla detersione quotidiana l’utilizzo di un tonico delicato e adatto alla propria pelle. I prodotti maggiormente consigliati sono l’acqua distillata di Hamamelis o di Rose, spesso addizionati con alcuni estratti erbali ad esempio di Bardana, Viola, Cetriolo, Limone, Salvia, Rosmarino, Timo o di Camomilla. Generalmente si tratta di oli essenziali o estratti utilizzati in cosmesi come antinfiammatori, lenitivi, cicatrizzanti e antisettici;
  • Utilizzare creme da giorno e da notte ad effetto normalizzante. Possono contenere anche estratti di Bardana, Lavanda e Rosmarino ad azione dermopurificante. La Lavanda è anche un noto cicatrizzante. Nel dubbio consultarsi con il dermatologo o il farmacista di fiducia a seconda del caso;

  • Eliminare repentinamente qualsiasi tipo di cosmetico o detergente che sembri irritare la pelle e nel dubbio consultare il proprio medico di fiducia.

Abbiamo visto alcuni consigli di igiene e gestione della pelle lievemente acneica per prevenire la formazione di cicatrici. Ricorda comunque che il medico o il farmacista di fiducia possono aiutarti nella scelta del cosmetico adatto alla tua pelle, ma il tuo impegno e la tua costanza nella gestione quotidiana dell’acne è fondamentale!

 CONDIVIDI:
clicca qui

Ruota il device per visualizzare al meglio il sito