DATA: 27.12.2017

Dopo il parto: come cambia il corpo della donna

 CONDIVIDI:

Il tuo bambino è nato, probabilmente lo stai allattando e il tuo corpo sta affrontando un nuovo momento di cambiamenti. Il corpo della donna dopo il parto si prepara a ritornare quello di prima, un cammino per alcune veloce e per altre più lento ma che per tutte, entro l’anno del bambino, può permettere di riconoscersi allo specchio.

In realtà non c’è una vera e propria “time line” da seguire per far ritornare il tuo corpo quello di prima. Sei stata incinta per ben 9 mesi, probabilmente certi cambiamenti rimarranno permanenti ed in ogni caso, se ti sei presa cura di te, le novità ti renderanno una donna ancora più bella!

Vediamo insieme come si presenta il corpo della donna dopo il parto.

I primi giorni dopo il parto

Nei primi giorni dopo il parto potresti avere problemi di edema e gonfiore, in particolare a mani, piedi e caviglie.

È la naturale risposta del tuo corpo alla forza di spinta durante il travaglio che ha fatto convogliare i liquidi in eccesso alle estremità.

Tale problema generalmente si risolve entro 5 giorni. Al travaglio e al parto inoltre consegue un fisiologico dolore nella zona pelvica e un continuo sanguinamento vaginale che ricorda il ciclo mestruale. Le zone intime saranno dolenti e arrossate e molte donne possono lamentare anche problemi di emorroidi. Hai appena partorito ed è tutto normale, nel giro di un mese (i classici 40 giorni) la situazione ritornerà alla normalità. Puoi aiutarti con bagni decongestionanti alla camomilla e con prodotti adatti alle emorroidi.

#ASCOLTALATUAPELLE: edema e gonfiore a mani e piedi sono la naturale risposta del corpo alla forza di spinta durante il travaglio.

Click to Tweet

Se hai subito un’episiotomia il medico ti indicherà dei prodotti per l’igiene ad azione disinfettante e adatte alla cicatrizzazione. Al fine di favorire una buona cicatrizzazione della ferita ed evitare la formazione di cheloidi, mantieni la cicatrice ben idratata e curata una volta che si è rimarginata, utilizzando anche oli ricchi di Vitamina E, Olio di Iperico e Olio di Camomilla ad azione idratante, emolliente, lenitiva e cicatrizzante.

Dopo pochi giorni dal parto potresti avere dei segnali di incontinenza. Lo sforzo del parto e il peso della gravidanza possono aver indebolito i muscoli della zona pelvica, anche quelli che regolano la minzione. Si consiglia di iniziare al più presto con la ginnastica pelvica. Per un po’ di giorni dopo il parto potrai avvertire anche dei crampi all’addome simili alle contrazioni. Si tratta proprio di contrazioni più lievi dovute all’ossitocina in circolo, un problema che può essere più evidente nelle donne che allattano. Il seno infatti subisce un cambiamento molto significativo, si prepara all’allattamento.

Il corpo della donna dopo il parto si prepara a nutrire il neonato: l’allattamento

Durante il parto viene liberata una certa quantità di ossitocina che stimola le contrazioni e attiva la produzione di colostro e la successiva produzione di latte per nutrire il nascituro. In particolare dal secondo al quinto giorno dopo il parto, i dotti mammari iniziano a riempirsi di liquido e il seno si rigonfia velocemente fino ad arrivare a sembrare duro come una roccia. Inizia la montata lattea che può essere anche molto dolorosa. In tal caso si consigliano impacchi di acqua calda o al limite il tiralatte per evitare ingorghi mammari e favorire la fuoriuscita del colostro, un liquido dal colorito giallognolo molto nutriente e adatto ai primi giorni di vita del piccolo.

Nel giro di pochi giorni, la produzione di latte si adatterà alle richieste e agli orari del bambino senza più dolore. Durante l’allattamento si consiglia comunque l’utilizzo di un reggiseno adatto, comodo ma nello stesso tempo in grado di sostenere il seno. Durante l’allattamento mantieni la pelle ben idratata con una crema o un olio adatti per evitare la formazione di smagliature sul seno. In particolare i capezzoli e l’areola devono essere ben curati al fine di evitare dolore e la formazione delle dolorose ragadi che possono arrivare addirittura a compromettere l’allattamento.

In realtà il modo migliore per evitare tali problemi è quello di imparare ad attaccare bene il bambino al seno. Ci sono comunque dei piccoli accorgimenti che possono aiutare a prevenire il problema:

  • Asciugare bene il capezzolo prima di rivestirsi;
  • Cambiare le coppe assorbenti dopo ogni poppata;
  • Non usare sapone che secca la pelle;
  • Abituarsi a massaggiare sempre una o due gocce di latte alla fine di ogni poppata. Il latte materno è un buon idratante e allo stesso tempo ha anche proprietà antibatteriche (da evitare però in caso di candida).

Peso, pelle, capelli

Seguendo un’alimentazione sana, equilibrata e ricca di frutta e verdura il peso ritornerà quello di prima della gravidanza nel tempo necessario al tuo corpo per riadattarsi al nuovo cambiamento dopo il parto.

Se allatti dovrai seguire un’alimentazione di qualità per favorire la crescita di tuo figlio ma sostanzialmente le calorie da aggiungere sono all’incirca 600, poco più di un piatto di pasta o riso da 100 grammi.

Una leggera attività fisica può aiutarti a ritornare in forma in modo sano e, in ogni caso, una passeggiata al giorno di almeno mezz’ora fa bene a te e anche al bambino. Dopo il parto, il rischio smagliature non è ancora passato e dovrai continuare a mantenere la pelle ben idrata e nutrita per prevenirle o mitigarle. Generalmente le smagliature tendono a scomparire in particolare se sono rosse e se la pelle mantiene una buona idratazione. Se utilizzi creme o oli a base ad esempio di Vitamina E, non smettere! Anzi, continua a prenderti cura della tua pelle almeno fino a quando il tuo peso non si stabilizza.

Da uno a cinque mesi dopo il parto, potresti notare una copiosa perdita di capelli, ancora più evidente se allatti. Non prendere paura, è una caduta fisiologica. Durante la gravidanza a causa degli ormoni i peli e i capelli diventano più numerosi, forti e resistenti alla caduta. Le variazioni ormonali dopo il parto sembrano indebolirli in modo preoccupante data l’abbondante perdita di capelli, ma è una normale risposta fisiologica. Nel giro di un anno i capelli riprendono il loro normale ritmo di crescita e caduta.

Infine, l’iperpigmentazione che molte donne notano sul viso e in alcune zone del corpo durante la gravidanza, melasma o cloasma, dopo il parto lentamente si attenua fino a scomparire ridonando alla pelle il suo naturale colorito.

Abbiamo visto insieme i cambiamenti più comuni del corpo della donna dopo il parto che lentamente si riadatta alle sue fisiologiche funzioni. Un percorso che può durare mesi ma che è necessario per aiutarti a ritornare in forma e piena di vitalità per affrontare al meglio la tua nuova vita da mamma!

 CONDIVIDI:

Ruota il device per visualizzare al meglio il sito