DATA: 21.12.2017

Idratazione per una tintarella sana e duratura

 CONDIVIDI:

È ormai risaputo che l’esposizione al sole è diventata un’importante questione di salute per gli adulti e soprattutto per i bambini o chi ha la pelle chiara e delicata. Il sole non è più sano: i raggi UVA e UVB attaccano la nostra pelle indebolendola e mettendo ad alto rischio la nostra salute.

Numerose campagne di sensibilizzazione evidenziano l’importanza di proteggere la pelle con filtri solari adatti al proprio foto-tipo, di evitare il sole nelle ore più calde, di non rimanere troppe ore sotto al sole riparandosi all’ombra e di bere acqua per mantenere la giusta idratazione dell’organismo e della pelle.

L’idratazione della pelle rappresenta infatti un fattore importante di difesa nei confronti dei raggi UV.

Una pelle ben idratata mantiene non solo la sua naturale elasticità, ma anche la sua struttura ed in particolare le condizioni ideali perché ogni suo componente mantenga la sua funzione assicurando una certa protezione contro lo stress ossidativo attivato dai raggi solari.

#ASCOLTALATUAPELLE: un’adeguata idratazione rende la pelle più resistente ai danni dei raggi solari.

Click to Tweet

L’idratazione della pelle può essere ripristinata utilizzando un doposole idratante, nutriente e arricchito di antiossidanti. Un’adeguata idratazione della pelle si è dimostrata utile per rendere la pelle più resistente ai danni dei raggi solari; una corretta idratazione favorisce infatti in situazioni di “attacco” il mantenimento di condizioni organiche e strutturali ideali.

Idratazione è sinonimo di resistenza ai danni da UV

In particolare, la pelle è in grado di stimolare i meccanismi immunitari di difesa e di riparazione cellulare necessari per resistere al danno e, allo stesso tempo, può combattere i pericolosi radicali liberi attivati dai raggi UV che favoriscono l’insorgenza di problematiche anche gravi.

L’idratazione cutanea è indice della quantità di acqua presente in tutta la pelle, dalle parti più profonde fino in superficie.

È però la parte più superficiale della pelle che ne condiziona l’idratazione, in particolar modo attraverso il film idrolipidico che riveste lo strato più superficiale. Si tratta di una sottile barriera composta da diverse sostanze che sono caratterizzate principalmente dalla capacità di trattenere acqua e da lipidi che creano un effetto barriera per evitare la perdita e l’evaporazione dell’acqua in profondità.

Il doposole idratante deve mantenere il più possibile intatto il film idrolipidico, al fine di sostenere la fisiologica idratazione della pelle e la sua naturale resistenza e struttura.

In tal modo la pelle, non solo sarà più nutrita e splendente, ma anche meno sensibile al sole.

Dopo l’esposizione al sole idratare significa nutrire la pelle

Nutrire la pelle con un doposole idratante e ricostituente significa principalmente mantenere intatto il film idrolipidico, magari fornendo anche antiossidanti per favorire la protezione delle cellule della pelle dallo stress ossidativo indotto dai raggi UV.

Diversi studi hanno evidenziato infatti che il doposole idratante dovrebbe contenere non solo sostanze che trattengono l’acqua, ma anche funzionali ad azione antiossidante.

In particolare in un doposole non dovrebbe mai mancare la Vitamina E che, oltre ad essere una vitamina ad azione antiossidante, si è dimostrata anche un utile idratante. La Vitamina E infatti crea una barriera fisica protettiva che alimenta il naturale film idrolipidico della pelle. Inoltre tale vitamina è caratterizzata anche da un’attività eutrofica: aiuta a combattere i danni causati ai tessuti dai raggi UV.

La Vitamina E quindi oltre all’idratazione favorisce la protezione e la riparazione della pelle esposta al sole.

Anche la Vitamina C è un importante ingrediente protettivo della pelle in quanto stimola la sintesi di collagene e la normale funzionalità e struttura della pelle e protegge le cellule epidermiche dallo stress ossidativo. L’associazione di Vitamine E e C si è dimostrata una sinergia vincente per mantenere la pelle idratata e resistente. Anche i polifenoli, ad esempio del Tè verde, proteggono la pelle dal sole favorendone la resistenza. Tali nutrienti e antiossidanti sono consigliati non solo per uso topico, ma anche come integratori alimentari per favorire un’adeguata protezione e idratazione della pelle sostenendola anche a livello più profondo.

Infine, l’idratante dopo sole dovrebbe contenere anche sostanze antiarrossamento e lenitive come il bisabololo contenuto nell’olio essenziale di camomilla. Idratare la pelle e renderla più resistente ai danni del sole aiuta quindi a mantenere la pelle in salute, condizione che aiuta anche a mantenere una tintarella più splendente, uniforme e duratura.

L’idratazione rappresenta quindi un’arma di protezione dal sole. Deve essere garantita bevendo molta acqua ma anche utilizzando cosmetici doposole che siano non solo dei buoni idratanti ma anche degli utili rinforzanti per favorire il mantenimento della naturale idratazione della pelle perché … una pelle idratata è sempre più forte e ci si assicura una tintarella sana che dura più a lungo.

 CONDIVIDI:
clicca qui
prodotto novità

Un nuovo modo
di trattare
la pelle secca.

Ruota il device per visualizzare al meglio il sito