DATA: 03.07.2018

Viaggiare in aereo in gravidanza? Prepara la tua pelle!

 CONDIVIDI:

Alcune donne si chiedono se viaggiare in aereo durante la gravidanza, per lavoro o per un viaggio di piacere, può risultare rischioso.

In linea generale, il viaggio in aereo non presenta particolari problemi per la donna che vive una gravidanza fisiologica. È necessario comunque sentire il parere del proprio ginecologo e seguire alcuni suggerimenti utili per un viaggio sereno e in sicurezza.

Può essere inoltre utile seguire alcuni suggerimenti per preparare la pelle al viaggio in aereo e mantenerla ben idratata.

Viaggiare in aereo in gravidanza: le linee guida

Se vuoi risolvere i tuoi dubbi sui pro e i contro del viaggiare in aereo in gravidanza in primo luogo rivolgiti al tuo ginecologo: conosce il tuo stato di salute e ti può dare il consiglio migliore per te e il tuo bambino.

In generale le linee guida del Ministero della Salute per la donna in gravidanza suggeriscono che il viaggio in aereo non presenta particolari controindicazioni, ad eccezione di alcuni casi particolari. Tali suggerimenti riprendono le linee guida Inglesi del Royal College of Obstetrycian & Gynaecologists.

Nello specifico le evidenze non segnalano rischi per la salute di mamma e bambino dovuti a cambiamenti di pressione dell’aria e a diminuzione della sua umidità.

Allo stesso tempo il volo in aereo non è associato a un aumentato rischio di sanguinamento, travaglio anticipato o rottura delle acque.

Il viaggio in aereo può favorire la comparsa di alcuni fastidi passeggeri

  • Gonfiore di gambe e caviglie
  • Congestione nasale - condizione tipica per alcune donne in gravidanza che l’aereo potrebbe favorire o peggiorare essendo un ambiente depressurizzato
  • Problemi alle orecchie - sempre causati dalla pressione dell’ambiente
  • Nausea - può comparire o peggiorare nelle donne che già ne soffrono

Il viaggio in aereo per la donna in gravidanza fisiologica è considerato sicuro e senza particolari rischi di radiazioni.

L’importante è osservare 3 semplici “regole”.

  1. Prendere l’aereo saltuariamente
  2. Coprire percorsi brevi (entro le 4 ore di volo)
  3. Volare entro la 32esima settimana per una gravidanza gemellare e la 37esima per una normale

In ogni caso, la consulenza con il proprio ginecologo garantisce al meglio un viaggio in aereo in gravidanza in salute e sicuro per mamma e bambino.

Quando non si può viaggiare in aereo in gravidanza

Abbiamo visto che viaggiare in aereo è sconsigliato dopo la 37esima settimana (32esima per chi aspetta due gemelli) in quanto naturalmente aumenta il rischio di un parto anticipato, difficile da gestire in aereo.

Ecco il motivo per cui molte compagnie aeree generalmente non accettano donne in gravidanza dopo i termini indicati e perché, dopo la 37esima settimana, spesso non c’è la copertura assicurativa. Alcune compagnie aeree inoltre chiedono il certificato medico addirittura dalla 28esima settimana di gravidanza.

Si tratta di regole con cui le compagnie tutelano in primis sé stesse e non giustificate da evidenze di particolari rischi per la salute.

Per viaggiare senza problemi “burocratici”, il consiglio è quello di rivolgersi alla compagnia aerea per conoscere le loro richieste e non rischiare di “perdere il volo”.

#ASCOLTALATUAPELLE Il viaggio in aereo non è adatto a tutte: alcune #gravidanze sono considerate a rischio.

Click to Tweet

In particolare è controindicato per le donne che presentano le seguenti condizioni:

  • anemia grave
  • alcuni tipi di frattura che possono favorire un evidente gonfiore delle gambe
  • recenti episodi di emorragia
  • otite media e sinusite
  • gravi problematiche respiratori o cardiaci
  • crisi emolitiche recenti in presenza di anemia falciforme
  • recente chirurgia gastrointestinale, qualora si evidenzi il rischio che la diminuzione della pressione e l’espansione gassosa possano alterare le linee di sutura

Preparare la tua pelle al viaggio in aereo

Prima dei suggerimenti utili per viaggiare in aereo riducendo potenziali fastidi, vogliamo indicare anche alcuni consigli per preparare la pelle al volo.

Nello specifico la depressurizzazione dell’ambiente all’interno dell’aereo determina una diminuzione dellumidità che può favorire la disidratazione della pelle.

In parole semplici, la pelle reagisce a tale ambiente rilasciando la sua acqua superficiale, per osmosi, al fine di compensare la riduzione spinta dellumidità dell’aria.

Quindi, preparare la pelle al volo diventa importante per prevenire problemi di pelle secca o un suo aggravamento che potrebbe anche durare alcuni giorni. La pelle secca e che tira infatti è un fastidio di cui normalmente una donna in gravidanza si può lamentare.

Preparare la pelle al volo significa nutrirla e idratarla con cosmetici che preservino e rinforzino il film idrolipidico che copre la cute prevenendo la sua disidratazione.

Il film idrolipidico infatti svolge anche una funzione isolante che impedisce l’evaporazione e la perdita dell’acqua in superficie, e allo stesso tempo in profondità, dovuta ad alterazioni dell’umidità dell’ambiente.

In generale infatti l’acqua tende a equilibrare l’umidità di due “ambienti comunicanti”, in questo caso la tua pelle e l’aria dentro l’abitacolo dell’aereo.

Il suggerimento per preservare la naturale idratazione della pelle quando si deve viaggiare in aereo in gravidanza è prepararla giorni prima utilizzando una crema grassa o un olio cosmetico adatti a nutrire e rinforzare il film idrolipidico.

La tua pelle potrà così affrontare il viaggio in salute senza correre il rischio di “soffrir di sete”.

Consigli per viaggiare in aereo in gravidanza serene e in salute

Secondo le linee guida inglesi se il viaggio in aereo dura meno di 4 ore e stai vivendo una gravidanza fisiologica, non ci sono particolari indicazioni da seguire se non quelle del tuo ginecologo.

Quando invece il volo supera le 4 ore per evitare lievi fastidi, così come per ridurre il rischio di trombosi venosa dovute al viaggio in aereo, oltre ai consigli del medico adatti alla singola persona, gli esperti suggeriscono di:

  • indossare vestiti non aderenti e scarpe comode
  • cercare di assumere una posizione il più possibile confortevole, chiedendo di sedere nei posti che permettono di allungare le gambe
  • alzarsi e camminare un po’ a intervalli regolari
  • eseguire esercizi di stiramento da seduta ogni 30 minuti
  • bere acqua a intervalli regolari durante il volo, per evitare problemi di disidratazione in generale, non solo della pelle
  • indossare calze a compressione graduata: il medico può indicare le più adatte alla persona per taglia, tipo e gradazione
  • chiedere al personale dell’aereo se è necessario cambiare o adattare la cintura di sicurezza
  • evitare caffè, bevande gassate e naturalmente l’alcol

Abbiamo presentato una serie di consigli utili per un viaggiare in aereo in gravidanza in salute, in sicurezza e preservando anche l’idratazione della pelle.

Se tutto è ok non ti resta che controllare i documenti e volare verso la tua meta serena, sorridente e in tutto il tuo splendore.

 CONDIVIDI:
clicca qui
prodotto novità

Un nuovo modo
di trattare
la pelle secca.

Ruota il device per visualizzare al meglio il sito